Continua l’impegno per la ricerca sulla sindrome di Alexander.